La riflessione

LA RIFLESSIONE Un ‘Doppio taglio’ che si rimargina cambiando il punto di vista

10842113_1568840196665850_6486364180530344889_o

Sergio Gessi
16 febbraio 2015

Cambiare il punto di vista. E’ questo il monito più forte sortito dal potente spettacolo “Doppio taglio” messo in scena venerdì sera al teatro Off (leggi la nostra recensione). Degli stravolgenti effetti sulla comprensione determinati dalla mutazione dell’angolo visuale in letteratura è maestro Pirandello, in sociologia Goffman. Il professor Keating (quello dell’Attimo fuggente, magistralmente interpretato dal compianto Robin Williams) lo insegnava ai suoi ragazzi: guardando il mondo da un’altra prospettiva cambia la percezione, cambia il senso delle cose, cambia la realtà, cioè quell’idea che ci facciamo del mondo e che impropriamente chiamiamo verità.
Così è anche per la violenza che tragicamente si consuma ogni giorno sulle donne, vista, analizzata, fotografata, scandagliata dalla stampa sempre nella considerazione della donna-vittima guardata dal punto di osservazione del carnefice. E questo che testimonia la ricchissima documentazione antologica di testi giornalistici serviti da base per lo spettacolo teatrale allestito da Marina Senesi sulla scorta del certosino lavoro svolto dalla ricercatrice Cristina Gamberi.
il dibattito dopo lo spettacolo Doppio Taglio (foto di Giorgia Mazzotti)

il dibattito dopo lo spettacolo Doppio Taglio (foto di Giorgia Mazzotti)

‘Cambiare la prospettiva’ in questo caso vale in prima istanza come esortazione agli operatori dell’informazione e anche come linea di condotta da seguire per le prossime attività formative rivolte ai giornalisti stessi. Erano loro i destinatari privilegiati dello spettacolo di venerdì, non solo perché è il loro lavoro che ha originato la stesura del testo, ma perché la rappresentazione rientrava nel novero delle attività di aggiornamento professionale da un paio d’anni rese obbligatorie per la categoria.
Il ricorso a una modalità di comunicazione non tradizionale ha costituito una riuscita innovazione rispetto ai canoni usuali. Raramente, nei precedenti incontri, si era registrata tanta partecipe attenzione: il messaggio teatrale ha una forza di coinvolgimento superiore a una comunicazione ordinaria: così il pubblico dei giornalisti ha riguardato il proprio lavoro allo specchio scoprendo ciò che nel trantran quotidiano normalmente non si individua come peccato di superficialità: l’essere schiavo di stereotipi.
È stato utile a tutti questo spettacolo. E potrà contribuire a migliore la qualità dei nostri giornali se aumenterà la sensibilità di chi li scrive. L’auspicio è che possa entrare anche nelle scuole, per fungere da antidoto con cui vaccinare le nuove generazioni. E al contempo la speranza è che questo riuscito esperimento induca l’Ordine dei giornalisti a contemplare fra le sue attività formative – in via continuativa e non estemporanea – anche iniziative con modalità di comunicazione originali ed eterodosse come questa.

Intervista a Roberto Mancini

Economia-solidale-e-QA

“Italia che Cambia” ci offre un buono spunto di riflessione
attraverso l’intervista realizzata da Andrea Degl’Innocenti
a Roberto Mancini, professore di Filosofia teoretica all’Università di Macerata e di Economia umana all’Università di Mendrisio, Svizzera –

Ringraziando per un così interessante punto di vista
pubblichiamo integralmente l’intervista:
http://www.italiachecambia.org/2015/01/io-faccio-cosi-57-roberto-mancini-economia-capitalismo/

La Pigna di AltRaValtellina

pigna AltRaValtellina

La pigna è un semplice elemento naturale che si trova su tutto il territorio provinciale e che è costituita dall’unione sinergica di numerose foglie. Questi sono gli elementi principali che caratterizzano la nostra associazione.

TERRITORIO E SVILUPPO TURISTICO

Il turismo sostenibile e responsabile deve e vuole essere un modo di viaggiare etico e consapevole che va incontro ai paesi di destinazione, alla gente, alla natura con rispetto e disponibilità, portatore di principi universali quali: equità, sostenibilità e tolleranza.

AmbriaJazz2014

1016036_10152467577329861_6355624160313473338_o (1)

E’ finalmente visibile on line il sito AmbriaJazz2014 con il programma dei concerti di quest’anno: più di 60 musicisti,  tra cui molte donne, suoneranno per gli appassionati del Festival AmbriaJazz qui in Valtellina.

Per più di un mese, dal 3 luglio al 10 agosto in ben 18 luoghi diversi sarà possibile ascoltare gratuitamente bellissimi concerti.

Vi aspettiamo numerosi,

Ci divertiremo!!!!

10372321_10152414045089861_3684148614750604566_n

Il Primo Articolo

ALTRAVALTELLINA, ASSOCIAZIONE DI TURISMO RESPONSABILE – PROVINCIA DI SONDRIO.

SIAMO UN GRUPPO DI AMICI. PROMUOVIAMO UN TURISMO LENTO, SOSTENIBILE, ATTENTO, SIMPATICO, IN BORGHI E ZONE POCO CONOSCIUTE DI VALTELLINA E VALCHIAVENNA, A PIEDI, IN BICI, SPORTIVO, PER SENTIERI, IN TRENO E NOLEGGIO AUTO ANCHE ELETTRICHE, CON GRANDE ATTENZIONE A CONSUMARE MENO POSSIBILE TERRITORIO E RISORSE NATURALI … UN ALTRO MODO DI GODERSI LE NOSTRE MONTAGNE, LE NOSTRE VALLI E LA NOSTRA COMPAGNIA!